2° rapporto cassa integrazione Como-Lecco anno 2017 UIL del Lario

2° RAPPORTO UIL

Anno 2017

Cassa integrazione

Gennaio-Febbraio 2017

 

LA CASSA INTEGRAZIONE NELLA PROVINCIA DI COMO e LECCO

Elaborazione UIL su fonte INPS

 

PRESENTAZIONE

I primi due mesi del 2017 evidenziano un calo della richiesta delle ore di cassa integrazione rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Una diminuzione sostanziale per le aziende Lecchesi -81,9% e minore per quelle Comasche -23,6%, in quest’ultimo territorio ha influito negativamente la cassa ordinaria, la quale è aumentata di oltre il 3.900% rispetto allo stesso periodo del 2016, ed è il distretto tessile che ha pesato enormemente, con un’incidenza del 37% sul totale della cassa integrazione ordinaria del periodo gennaio-febbraio.

La riduzione di ore di cassa integrazione totale ha interessato tutti i settori produttivi: industria, edilizia, artigianato e commercio.

È troppo breve il periodo oggetto di analisi per affermare che la ripresa economica è forte e che le aziende della Provincia di Como e Lecco sono fuori dalla crisi, anche in considerazione del fatto che i dati relativi alla fruizione delle integrazioni salariali degli ultimi anni non sono agevolmente confrontabili, in quanto risentono delle novità introdotte dalla riforma del Jobs act in materia di ammortizzatori sociali, con il D.Lgs 148/2015, che ha previsto nuovi strumenti di integrazione salariale:  fondi di solidarietà bilaterali; fondo integrativo salariale(FIS). Inoltre, la riforma ha modificato la durata massima delle prestazioni: i trattamenti ordinari e straordinari di cassa integrazione non possono superare i 24 mesi nel quinquennio mobile e nel caso del settore edile la durata massima non può superare i 30 mesi.

A seguito delle novità introdotte dal D.Lgs 148/2015, è opportuno che l´osservatorio INPS integri i dati sulla cassa integrazione con quelli relativi all’utilizzo dei Fondi di solidarietà, e ciò porterebbe ad un’analisi più esaustiva dello stato in cui versa il nostro tessuto produttivo ed i lavoratori che in esso operano.

In conclusione, non bisogna abbassare la guardia ed è necessario che il governo acceleri le politiche fiscali orientate ad abbassare in modo strutturale la tassazione che grava sui lavoratori e pensionati per rilanciare la domanda interna, ed è importante un rafforzamento delle politiche attive, inoltre la UIL chiede una ragionevole revisione delle regole di accesso alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria, a partire dalla durata e dal costo eccessivo per le imprese.

 

                                                                                                                                                          Salvatore Monteduro

                                                                                                                                              Segretario Generale CST UIL del Lario

Como, marzo 2017

Allegati:
Scarica questo file (Comunicato stampa 2_Rapporto UIL CIG Febbraio 2017_ UIL Lario.pdf)2 Rapporto cassa integrazione UIL del Lario_Como_Lecco[2 Rapporto cassa integrazione Como e Lecco UIL del Lari]138 kB