4° rapporto cassa integrazione I° quadrimestre 2017 Como e Lecco

4° RAPPORTO UIL

Anno 2017  

Cassa integrazione

I° Quadrimestre 2017  

LA CASSA INTEGRAZIONE NELLA PROVINCIA DI COMO e LECCO

 

Elaborazione UIL su fonte INPS

 

PRESENTAZIONE

 

Il quarto rapporto sulla cassa integrazione nelle Province di Como e Lecco evidenzia una crescita della richiesta della cassa ordinaria (+99,4%) e di quella in deroga (+36,4%) nel mese di aprile in Provincia di Como rispetto allo stesso mese anno 2016. Incremento, della cassa ordinaria, presente anche nel primo quadrimestre di quest’anno (+184,3%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Una situazione differente è presente in Provincia di Lecco, dove si registra una diminuzione della cassa ordinaria (-54,0%) ad aprile rispetto allo stesso mese dell’anno scorso e una crescita (+6271,4 %) rispetto al mese di marzo 2017, mentre nel primo quadrimestre di quest’anno la cassa ordinaria diminuisce (-75,7%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

In entrambe le Province, diminuisce la richiesta di cassa integrazione complessiva nel primo quadrimestre del 2017 rispetto allo stesso periodo dell’anno 2016:

  • Como         -47,5%;
  • Lecco             -70,0%;
  • Lombardia -56,8%;
  • Italia -43,1%.

E sono le aziende di tutti i settori produttivi a beneficiare, in ambedue le Province, di un calo della richiesta delle ore di cassa integrazione nel primo quadrimestre del 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016 :

variazione % cassa integrazione per settore produttivo I° Quadrimestre 2016_2017

 

Industria

Edilizia

Artigianato

Commercio

Settori Vari

totale

Como

-47,6%

-56,9%

-0,6%

-61,9%

-100,0%

-47,5%

Lecco

-68,3%

-87,3%

-35,5%

-87,4%

-100,0%

-70,0%

Lombardia

-62,8%

-15,3%

-32,1%

-46,0%

-22,8%

-56,8%

Italia

-50,9%

-22,2%

-44,7%

10,9%

105,9%

-43,1%

 

Ancora una volta, però, bisogna evidenziare la parzialità dei dati, mancando all’appello un monitoraggio completo della gestione del FIS (Fondo Integrazione Salariale) che dovrebbe proteggere i lavoratori di imprese, prevalentemente piccole e piccolissime, che non sono tutelati da altri strumenti.

Resta complessa la situazione del distretto tessile in Provincia di Como, dove a fronte di una diminuzione della cassa integrazione nel primo quadrimestre del 76,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, vi è un notevole incremento nel stesso periodo della richiesta di cassa integrazione ordinaria 720,9%, e che sta a significare che il settore vive ancora una situazione di forte fibrillazione.

Per quanto riguarda la Provincia di Lecco, risulta in netta discesa la richiesta di cassa integrazione nel settore metalmeccanico -70,8% nel primo quadrimestre rispetto allo stesso periodo del 2016, anche se era al -73,9% nel primo trimestre 2017 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Anche per il settore metalmeccanico le fluttuazioni sono determinate da un mercato non più stabile ma soggetto a continue oscillazioni e dipendente dal mercato internazionale.

In conclusione, il rapporto sulla cassa integrazione primo quadrimestre conferma una situazione di stabile ripresa economica, anche se più debole per le aziende Comasche e più qualificata per quelle Lecchesi. Resta alto il numero di lavoratori in cassa integrazione: Como 2.536; Lecco 884, e ciò dimostra ancora una volta l’importanza degli ammortizzatori sociali, ed opportuno un intervento legislativo del governo improntato ad allungare la durata degli stessi e si sottolinea la necessità che bisogna tenere alta la guardia ed è indispensabile sostenere la domanda interna con politiche economiche espansive. 

 

 

 

Salvatore Monteduro

Segretario Generale CST UIL del Lario

 

 

Como, maggio 2017

 

 

Allegati:
Scarica questo file (Comunicato stampa 4_Rapporto UIL CIG I_Quadrimestre 2017_ UIL Lario.pdf)4_rapporto_cassa_integrazione_Como_Lecco[4 rapporto cassa integrazione a Como e Lecco]135 kB